Come gestire i social network aziendali

Da Obama alla tua azienda: il fil rouge dei social

Sai che esiste una linea di comunicazione invisibile, un fil rouge tra te e Obama, un aspetto che vi accomuna?

[note title=”Entrambi siete entrati da poco nell’articolato mondo del web!!:”]

Entrambi avete dovuto iniziare a gestire i social network aziendali attivando i canali social…. per la prima volta

[/note]
Nessun manuale di istruzioni, non una precisa idea di come gestirli ma la volontà di esserci vi ha portato a sperimentare, ad investire a perdere o a guadagnare.

Così entrambi avete capito che questo mondo è il futuro della comunicazione. Al contempo, avete anche capito che richiede risorse dedicate e tante, ma tante, competenze.

Obama è stato ad un bivio, ha lasciato il suo mandato e con esso tutto ciò che ha costruito.

Ebbene quello che ha fatto in merito ai social, e come lo ha fatto, “è importante per te!” che, al contrario, mantieni attivi i tuoi account.

Ci sono diversi spunti di riflessione che possono aiutarti a mettere un tassello e a costruire la tua strategia web social in modo solido.

gestire i social network aziendali come obama e trump

*****

[box_frame style=”” width=”” class=”” align=”center” title=”INDICE DEI CONTENUTI” inner_style=””]

[/box_frame]

*****

 

Passaggio di consegne per gestire i Social Network aziendali: Obama Docet

Come sai Barack Obama, definito ormai il “Social Media President”, ha concluso il suo mandato.

Il 20 gennaio, al suo posto, si è insediata una personalità non meno importante, ma sicuramente molto controversa: Donald Trump.

Il nuovo presidente ha ricevuto una cosa inedita mai avvenuta prima.

Oltre ai diritti/doveri di presidente, ha preso in carico quello che nessun altro aveva mai ereditato alla Casa Bianca.

Sto parlando dei canali social del Presidente degli States.

Questo perché Obama è stato il primo presidente degli Stati Uniti ad utilizzare il mondo dei Social Network.

 

Cosa vuol dire tutto ciò? E soprattutto che affinità ha con la tua azienda?

La Casa Bianca, in un comunicato ha spiegato come non ci sia un meccanismo già collaudato, essendo stata la prima volta che avviene un passaggio di account social tra presidente uscente e neo-presidente.

Quello a cui abbiamo assistito, è stata la prima e vera Transizione Digitale dei social, degli account e degli strumenti web del presidente.

gestire i social network aziendali

[warning title=””]Pertanto se in azienda non sai come gestire i social network aziendali non preoccuparti. Pensa che nella tua stessa situazione si è trovata anche la Casa Bianca![/warning]

 

Quello che spesso le aziende percepiscono come senso di confusione o smarrimento di fronte al web ed ai social è più diffuso di quanto si possa immaginare, è una situazione che vivono in tanti.

È un momento particolare per tutto il mondo digitale in cui è necessario costruire metodi e regole chiare per situazioni assolutamente nuove e mai pensate prima.

 

Nel web non esistono strade e meccanismi rigidi, “la strada si fa con l’andare”.

Quello che è importante è aver chiaro dove andare e cosa portare con sé.

Ed è quello che ha fatto Obama. Devi sapere, infatti, che l’amministrazione Obama ha aperto in questi anni differenti profili social ufficiali: Twitter, Facebook, Instagram, Youtube … solo per citarne alcuni.

Nel mese di gennaio tutti gli account social di Obama sono stati consegnati a Donald Trump privi di contenuti ma con tutti i like ed i fun raccolti negli anni.

Questo è possibile grazie ad una strategia per gestire i social network aziendali precisa che ha visto l’apertura degli account, sotto l’amministrazione Obama, a nome della Casa Bianca.

[header_fancy class=”” style=”height:inherit;” title=”Tu stai facendo la stessa cosa in azienda? I tuoi social sono aperti sotto un tuo account? Ricorda: questa è l’unica possibilità che hai per mantenere nel tempo i like e i fun acquisiti.”]

 

PROPRIO COME AVVIENE ALLA CASA BIANCA

La procedura, a prescindere dal tipo di social network, ha visto il salvataggio di tutti i contenuti da parte del NARA (National Archives and Records Administration).

Tutto comunque è rimasto pubblico e consultabile. Tutti gli account e le relative password sono stati consegnati alla nuova amministrazione.

Quindi:

  • I contenuti sono stati spostati. In particolar modo tutti i contenuti postati e condivisi sui canali Facebook (7 milioni di likes) e Instagram (3 milioni di followers) da Obama in questi anni, sono stati trasferiti sulle pagine ObamaWhiteHouse (di Facebook e Instagram, appunto).
  • Gli account social sono rimasti in piedi mantenendo tutti i like ed i followers acquisiti in questi anni. Un bell’inizio per Donald Trump, se pensi che durante l’amministrazione Obama Facebook ha raccolto 7 milioni di likes ed Instagram 3 milioni di followers.

I “Mi piace” e i followers degli account della Casa Bianca su Facebook, Instagram, Tumblr e Youtube sono stati mantenuti mentre i post e tutto il materiale condiviso è stato cancellato.

E l’account del Presidente?

Il profilo Twitter del Presidente, @POTUS (President of the United States) – con 11 milioni di followers all’attivo ha perso tutti i suoi tweet, che sono stati trasferiti su un altro profilo, ma ha mantenuto ovviamente tutti i seguaci.

Anche la First Lady uscente, Michelle Obama “ha lasciato in eredità” il suo profilo @FLOTUS (First Lady of the United States) a Melania Trump, moglie di Donald Trump.

Stessa cosa per il VicePresidente, Joe Biden che ha lasciato @VP a Mike Pence.

Il profilo @BarackObama invece è rimasto al suo legittimo proprietario, essendo account personale.

Un vero e proprio “tesoretto” quello che Donald ha ricevuto da Barack, definito non a caso dal New York Times “il primo presidente che ha portato la Silicon Valley a Washington”.

Come negare la bravura e l’abilità con cui ha saputo usare questi potenti mezzi di comunicazione negli anni?

Cosa abbiamo da imparare dal “Social Media President” per la gestione dei social network aziendali?

Tanto, cioè:

  • L’accurata scelta dei nomi.
  • La chiarezza nell’aprire alcuni profili sotto la Casa Bianca e altri a livello personale (che ha poi reso possibile il passaggio di consegne e la possibilità di mantenere attivi i fan o like degli account).
  • L’integrità nell’aver attivato i profili sotto il dominio della Casa Bianca.
  • La consapevolezza che molte cose siano “nuove” poiché fatte per la prima volta. E la volontà di trovare un meccanismo di cessione.
  • La visione strategica e la sperimentazione di nuovi social (Twitter è stato aperto solo nel 2015).

I social, si sa, sono importanti in una strategia di web marketing, ma ancora di più lo è la loro gestione e l’impostazione strategico/operativa che l’azienda deve fare a monte.

gestire social network aziendaliPer gestire i social network aziendali, troppo spesso le aziende affidano direttamente i social ad agenzie senza preoccuparsi di verificarne la impostazioni alla base rischiando di perdere tutto il lavoro fatto una volta avvenuto il cambio di fornitore.

Per questo è importante che la strategia sia costruita prima a tavolino e poi attuata secondo principi guida precisi.


Pertanto fai molta attenzione in merito agli account su cui vengono aperte le pagine social. Troppo spesso in azienda trovo intere strutture social aperte dalle agenzie. Il rischio è che una volta interrotto il rapporto professionale si possa perdere l’intero investimento in social e, ahimè, si debba ripartire da zero.

 

[box_frame title=”Il consiglio di Luigia Gabriele” width=”Specify width in pixels”]Verifica l’account su cui sono aperti i tuoi social, controllando nel dettaglio il profilo personale a cui fanno riferimento e l’indirizzo e-mail alla base del profilo.

Il nome che vedi scritto sulla pagina social non basta per garantirti la proprietà dell’account.

Una web-agency, o a volte anche un dipendente aziendale, può mettere il tuo nome sulla pagina social ma aprirla con un account personale.

Fai in modo che i social siano aperti con un account di proprietà aziendale e poi dai le autorizzazioni all’uso delle pagine per chi te le gestirà.

Così, e solo così, potrai mantenere i tuoi fun/like anche cambiando fornitori.

Ricorda: i social fanno parte della tua azienda ed è fondamentale che siano aperti da te! Obama Docet 🙂 !
[/box_frame]

Author: Luigia Gabriele

Lascia un commento