Creare un sito web che converta e aumenti le vendite.

Come creare un sito web che aiuti la mia azienda ad aumentare i fatturati?

È questo il dilemma che attanaglia la maggior parte degli imprenditori.

In questo periodo di evoluzione del web, sono in molti quelli che stanno cominciando a comprenderne l’importanza.

Le aziende cominciano a rendersi conto che avere un sito brochure creato secondo i vecchi schemi del marketing non serve a nulla.

Prima del Web esistevano i bigliettini da visita che svolgevano egregiamente questo compito. Un sito web, se non è fatto con criterio, non aggiunge molto ai risultati che si ottenevano con quei bigliettini o con delle brochure.

Oggi un sito web non può più essere un sito che semplicemente presenta l’azienda a chi già la conosce. Deve andare oltre!

conversione del traffico

 

Concetti come inbound marketing, conversione, e-mail marketing stanno prendendo piede anche nelle menti più riottose ai cambiamenti. Gli imprenditori non possono più ignorare che esistono, perché questi concetti oggi possono valere la sopravvivenza di una azienda.

È per questo che, se fino ad oggi era normale per una azienda rivolgersi a fornitori esterni per la creazione e gestione dei siti aziendali, oggi le cose stanno cambiando. In molti stanno cominciando a capire che il web è un vero e proprio ramo d’azienda. Per ottenere risultati seri, la miglior cosa è gestire il web in azienda.

Questi pensieri, in realtà, sono anche dovuti ai risultati non proprio esaltanti prodotti dalle web agency. Se le aziende riuscissero a vedere risultati tangibili dai loro investimenti non si preoccuperebbero tanto di sovvertire l’ordine delle cose.

*****

[box_frame style=”” width=”” class=”” align=”center” title=”INDICE DEI CONTENUTI” inner_style=””]

[/box_frame]

*****

La realtà è diversa e la ragione è presto spiegata.

Molte “Web Agency” altro non sono che vecchie agenzie di comunicazione che si sono rifatte il vestitino reinventandosi nel web. Bravissime nel vecchio marketing, queste agenzie hanno poca dimestichezza con il web e fanno fatica a discostarsi da metodologie usate con successo per 20 anni.

creare mailing list

 

Hanno provato a reinventarsi per accaparrarsi una grossa fetta di mercato che aveva bisogno di specialisti web. In parte e nel breve ci sono riuscite, ma l’errore più grande che hanno fatto è stato quello di non investire in modo massivo nella loro formazione.

Pensare che le vecchie strategie di marketing potessero andar bene anche per il web ha creato un vero e proprio DISASTRO!

[box_frame style=”” width=”” class=”” align=”center” title=”” inner_style=””]UN SITO WEB NON È UN CARTELLONE PUBBLICITARIO 6X3![/box_frame]

È così che a fronte anche di corposi investimenti in ADV, la maggior parte delle aziende non riescono oggi a veder crescere i fatturati.

Le ragioni sono abbastanza semplici per chi conosce il web… Ma, purtroppo per le aziende, i veri specialisti web non sono tanti.

La riprova di queste affermazioni è sotto gli occhi di tutti. Basta prendere dei siti aziendali a caso per capire in meno di un minuto le ragioni.

  • Nel 90% dei casi mancano completamente le basi del web marketing;
  • Non esiste un form di conversione (a parte il tasto in fondo alla pagina “iscriviti alla newsletter”);
  • Non esiste una strategia;
  • Per quanto belli possano essere altro non sono che la copia online delle vecchie brochure di presentazione aziendale. Chi siamo NOI, come siamo belli NOI, perché siamo belli NOI.

Questo è il modo più sbagliato di approcciarsi al web!

Un sito web aziendale che si adatti ai bisogni dell’azienda avendo cura di quello che il visitatore vuole!

Ma le aziende non possono avere sempre l’anello al naso. Pian piano stanno prendendo coscienza.

Quello che sta entrando nella mente degli imprenditori è che con una presenza web efficace si possono incrementare i fatturati e gli utili. Il problema è capire come fare.

Quello di cui c’è bisogno, come base di partenza, è un sito che converta e aiuti ad aumentare le vendite!

Molte aziende hanno addirittura deciso di prendere di petto la situazione e di implementare l’Area Web in Azienda chiedendoci di aiutarle.

Moltissime, però, non si sentono ancora pronte per l’implementazione ma hanno tanta voglia di capire dove sbagliano.

Vogliono in sostanza capire come deve essere strutturato un sito web che converta.

Che cosa è la conversione nel vocabolario del web?

Spesso mi capita, nei corsi in aula, di paragonare un sito web ad un granello di sabbia nel deserto. Forse stai pensando che non è una immagine originale, lo so… ma rende l’idea 😉

Un sito, di per sè, non serve a nulla se non si conosce il suo “preciso indirizzo web”, il classico “www.nomemiosito.it”. Fanno bene le aziende a pubblicizzare l’indirizzo del loro sito in tutti i modi possibili nel Marketing offline. La diffusione dell’indirizzo del sito aziendale è vitale per la visibilità.

Ma se un sito si limitasse a dare informazioni a gente che già conosce l’azienda, non avrebbe svolto alcuna funzione innovativa.

[box_frame style=”” width=”” class=”” align=”center” title=”” inner_style=””]Quello che un sito deve fare è “farsi trovare“, “catturare il visitatore”  trasformandolo in “lead” (ovvero in un nominativo da inserire nella propria mailing list), “trasformare il Lead in prospect e futuro cliente”.[/box_frame]

Un sito che converta, quindi, deve offrire al visitatore un qualcosa di irrinunciabile in cambio della propria mail

Avete presente il vostro granello di sabbia nel deserto?

[highlight1]Bene… se qualcuno riesce a trovarvi abbiate cura di offrirgli un bicchiere d’acqua in cambio della sua mail.[/highlight1]

Per far questo, la home di un sito aziendale deve essere strutturata in modo adeguato, sopratutto nella parte “above the fold“.

catturare l'utente

La parte “above the fold” è quella parte della home page immediatamente visibile al visitatore senza bisogno di scorrere.

In questa parte bisognerà fare in modo che il visitatore:

    • capisca immediatamente dove si trova;
    • abbia immediatamente una percezione del brand e dell’azienda;
    • vi sia una chiara ed univoca “call to action” che lo inviti a lasciare la sua mail in cambio di qualcosa;
    • sia presente un menù di navigazione semplice e che lo spinga verso le aree di maggior interesse per lui (e non per l’azienda);

  • sia presente una funzione di ricerca.

Come Trasformare la Home in una Landing page

Le landing page sono delle “pagine di atterraggio”, ovvero delle pagine generalmente studiate per accogliere traffico (generato in vari modi) e trasformarlo in leads. Trasformate la propria home page in una “Landing Page” è il primo passo da fare per creare un sito web che converta.

Sebbene puoi non avere dimestichezza con il web, prova a fare un semplice esercizio.

Immedesimati nel tuo cliente tipo e chiediti: “Cosa vorrebbe trovare sul mio sito web?”

Pensa a qualcosa che possa risolvergli un problema e che tu puoi dargli. Pensa a qualcosa che possa aiutarlo e indirizzarlo in una scelta.

[box_frame style=”” width=”” class=”” align=”center” title=”” inner_style=””]Pensa ad un vantaggio esclusivo che puoi offrirgli e al quale lui non potrebbe rinunciare.[/box_frame]

Una volta individuato il vantaggio da offrire, crea (o fai creare) la “call to action” che inviti il visitatore a lasciare la sua mail in cambio del tuo vantaggio irrinunciabile e mettila in evidenza nella parte “above the fold”!

Una home page così strutturata ti aiuterà a convertire i visitatori in prospect e possibili futuri clienti. Il processo che si occuperà di trasformarli in clienti sarà il tuo magico E-Mail marketing.

Alcuni esempi di Siti NON strutturati per convertire che continuano a buttare soldi

Mille volte mi è capitato di trovarmi di fronte a situazioni a dir poco imbarazzanti. Vedere aziende che investono in ADV e rimandano a pagine non strutturate per convertire i visitatori in Leads è la cosa più frequente che mi capita di vedere.

Questa pratica è estremamente comune. Non ci credete? Ok facciamo degli esempi di come si buttano via i soldi giornalmente in ADV.

Ricerca Google per “controllo di gestione”

ecco i risultati che appaiono con i relativi annunci sponsorizzati:

sito web che converta

 

Proviamo ora a cliccare sul primo risultato della ricerca e cosa troviamo?

aumentare le vendite con un sito web

di fatto troviamo un blog che parla di Controllo di gestione… Ma è questo che cercava il visitatore? Perché questa azienda paga per far vedere il suo blog?

Mettiti nei panni del visitatore, cosa cercava? La risposta immediata che mi viene in mente è… “UNA SOLUZIONE IMMEDIATA PER RISOLVERE IL SUO PROBLEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE”.

Pensi davvero che questa pagina possa risolvere il suo problema?

Ammesso che possa essere interessato agli argomenti trattati, come potrebbe fare ad iscriversi per ricevere informazioni?

Dopo quanto tempo pensi che il visitatore abbandonerà questo sito? Bah…. forse andrà meglio con un altro risultato… Proviamo!

 

aumentare le vendite con un sito

Niente da fare! Qui forse qualcuno ha sentito parlare di creazione dei lead e ha suggerito di metterci una call to action. Ma…

  1. non è facilmente visibile
  2. si confonde con tutto il rosso del sito
  3. non è chiara l’offerta
  4. si impasta con il resto del testo.

Potremmo continuare a lungo su questi esempi. Scopriremmo come tanti soldi vengono buttati ogni giorno dalle finestre delle aziende per ADV che non porteranno mai un ROI.


Se stai pensando che anche la tua azienda ha commesso errori del genere forse sarà il caso di parlarne.

Alcuni esempi di siti che convertono

Per fortuna qualcuno che sa bene come funziona il Web Marketing esiste. Proviamo ora a vedere alcuni esempi di siti che convertono.

Ecco la Home page del migliore autorisponditore al mondo: Aweber.

convertire con un sito

Una semplice domanda come premessa che automaticamente posiziona l’azienda: “Perché più di 100.000 e-mail Marketer usano Aweber?” Immediatamente dopo l’offerta irrinunciabile! Provalo Gratis per 30 Giorni!

Nessuna distrazione, si punta diretti a catturare il visitatore e a far provare il servizio acquisendo il contatto… Great!

Fantastica anche la Home page di Big Commerce.

incrementare le vendite con un sito

Con un layout estremamente pulito posiziona immediatamente l’azienda e invita con una chiarissima call to action a provare gratuitamente il loro prodotto.

E va bene… ma è semplice quando si tratta di software… ma se vendi prodotti è più complicato pensare ad un’offerta irrinunciabile…

Non ne sarei così sicuro… 😉

trasformare i visitatori in clienti

Ecco la bellissima Home page di un’azienda che vende composizioni floreali d’arredo.

Spiega i tre semplici passi per ottenere i loro servizi e mette in bella mostra un form di contatto che permette di entrare immediatamente in contatto con i propri consulenti.

Va bene… ma questi sono americani… Lo sanno tutti che sono molto più avanti di noi italiani nel marketing…

Non è così!

Anche in Italia ci sono aziende che operano molto bene. e vediamone alcune:

convertire i visitatori in leeds

Ecco la Home page di un sito che promette di far dimagrire in soli tre mesi. Molto carina l’idea di un video “ASSOLUTAMENTE NON IN AUTOPLAY” (ovvero con l’avvio all’apertura della pagina come spesso mi capita di vedere), sotto la promessa di dimagrire in soli tre mesi. In basso il form di iscrizione per poter ricevere dei video gratuiti in cambio della mail.

Ecco invece come Kelly Skirt aveva ottimizzato la sua homepage per il lancio di un nuovo prodotto qualche tempo fa

Creare un sito web che converta

Davvero molto molto bella! Posizionamento del Brand, posizionamento di un prodotto con un carattere distintivo, richiesta dell’indirizzo e-mail in cambio di un coupon di sconto. Call to action assolutamente vincente.


Di esempi se ne possono fare tanti, ma ciò non toglie che oltre il 95% dei siti non è stato ancora strutturato per convertire i visitatori nella risorsa più preziosa che il web può offrire… Leads per la propria mailing list.

Il valore della Mailing List

Vi sarà capitato di sentir dire frasi come il “valore del web sta nella lista” o “i soldi stanno nella lista”. Questa è la pura verità!

Ottenere visitatori per il proprio sito costa soldi e fatica. Se non ti sforzerai di catturarli quando saranno sul tuo sito continuerai a dover investire in eterno per ottenere traffico.

Quello che devi fare è pensare a come convertire i tuoi visitatori in nominativi da inserire in mailing list perfettamente targettizzate. Grazie a questo potrai tornare a contattare queste persone che si sono dimostrate interessate ai tuoi servizi più e più volte. La cosa bella è che ricontattarli non ti costerà assolutamente nulla!

Certo, questa produzione di Leads deve essere seguita da un perfetto e-mail marketing se vuoi ottenere risultati concreti. Non solo invio di mail promozionali, ma la creazione di un rapporto con il tuo contatto che lo porti ad avere fiducia in te e nei tuoi prodotti.


Il tuo iscritto dovrà percepire il grosso vantaggio di essere iscritto alla tua lista. Non lesinare contenuti di valore, o vantaggi esclusivi per gli iscritti, farà la differenza tra te e lo spam.

Come creare un sito web che converta

Il corsocome costruire e gestire un sito web che converta“, nasce proprio dalle richieste degli imprenditori che vogliono crescere con il web.

Un sito che converta è la base di partenza per qualsiasi strategia online e grazie a questo corso potrai acquisire le skills necessarie. Sarai in grado di guardare il tuo sito con occhi diversi e vedrai le conversioni aumentare drasticamente.

Il web non è magia, ma strategia. Si possono ottenere risultati enormi in termini di benefici per l’azienda ma è necessario cambiare completamente il punto di vista.


[blockquote id=”” class=”” style=”” align=”center” author=”Steve Jobs” affiliation=”” affiliation_url=””]Penso che se fai qualcosa che risulta essere abbastanza buona, allora bisogna andare avanti e fare qualcos’altro di meraviglioso, e non soffermarsi sulla prima per molto tempo. Basta soltanto capire qual’è la prossima.[/blockquote]

[box_frame style=”” width=”” class=”” align=”center” title=”Il Consiglio di Massimo Prezioso” inner_style=””]Smettila di pensare ai tuoi visitatori come numeri. Non lo sono! Sono persone che sono arrivate in qualche modo sul tuo sito e che potrebbero diventare tuoi clienti se offri qualcosa di importante per loro.[/box_frame]

Author: Luigia Gabriele
Laureata in Scienze della Comunicazione, con 3 master e oltre 15 specializzazioni, da quasi 20 anni si occupa di marketing delle Aziende. Sempre attenta alle evoluzioni del mercato, da vari anni ha integrato le sue esperienze con specializzazioni di web marketing che le hanno permesso di diventare un punto di riferimento di livello assoluto nel panorama marketing italiano.

Lascia un commento