Post Covid: quali scenari aspettarsi dopo il Coronavirus?

Il mondo, con il diffondersi del Coronavirus è cambiato, sta cambiando, e non sappiamo ancora con certezza quali scenari ci aspettano. Abbiamo provato ad ipotizzarne alcuni.

In questo post, analizzeremo i seguenti aspetti:

mondo dopo coronavirusSmart working e telelavoro post pandemia

Il cambiamento era già in atto prima della diffusione del Coronavirus, molte aziende lo stavano già sperimentando da anni. Il virus ha soltanto accelerato il processo, ha costretto organizzazioni, aziende e istituzioni a fare il salto e i cambiamenti sembrano destinati a radicarsi e a diventare prassi.

Numerosi sono i vantaggi del “lavoro agile”. Lo smart working è totalmente orientato al risultato, prevede autonomia e flessibilità del lavoratore nella scelta di tempi e spazi di lavoro.

Una buona opportunità per le imprese in termini di sostenibilità, risparmio su locazione, climatizzazione, pulizia e allestimento dei luoghi di lavoro, oltre che di alleggerimento del traffico e dei mezzi pubblici.

Tecnicamente, il lavoro agile non è un tipo speciale di contratto di lavoro, ma un diverso schema di esecuzione delle attività lavorative stabilito da uno specifico accordo scritto tra il datore di lavoro e il dipendente.

Secondo un sondaggio condotto da Industree Communication Hub e TBS Group, il principale vantaggio del lavoro agile per i dipendenti è la possibilità di stabilire un migliore equilibrio tra vita professionale e privata.

Il sondaggio ha coinvolto oltre 5.000 professionisti italiani dei dipartimenti di gestione delle risorse umane, comunicazioni interne e direzione generale. Ne è emerso, innanzitutto, che il numero di aziende che offrono questa forma di lavoro è in costante aumento.

Circa il 78% del personale intervistato ha percepito un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata come il più grande vantaggio. Al secondo e terzo posto sono stati, rispettivamente, i benefici per i dipendenti che godono di più responsabilità e indipendenza e seguono un nuovo processo di valutazione delle prestazioni basato sugli obiettivi da raggiungere. Infine, il 40% degli intervistati ha visto lo smart working come un’opportunità per aumentare la produttività della propria azienda.


Covid e abitudini di acquisto

dopo covidE’ innegabile, il Covid ha cambiato le abitudini d’acquisto. Abbiamo assistito ad una vera e propria impennata del commercio elettronico ma, il primi a pagarne il prezzo, sono stati i rivenditori al dettaglio e le attività di ristorazione.

Assisteremo probabilmente all’emergere di nuovi bisogni generati dalla trasformazione delle nostre abitudini.

Anche Parmalat, azienda leader in Italia nel mercato del latte, apre al mondo dell’e-commerce e lancia il suo shop online ufficiale.

Questa nuova modalità di acquisto online non sarà probabilmente solo un fenomeno dettato dalle circostanze, ma rappresenterà l’occasione per far provare a tanti consumatori un nuovo canale di acquisto comodo, sicuro e spesso anche veloce. La vendita online rappresenterà una vera propria fornitura di un servizio.

I dati parlano chiaro. Il 31% degli utenti utilizzerà più frequentemente l’e-commerce (Fonte: Ipsos); gli e-shop crescono tra il 30% e il 70% settimanalmente rispetto all’anno precedente (gennaio – aprile). Per questo, la progressiva digitalizzazione dovuta al Covid19 è un’opportunità per le aziende che vogliono massimizzare il business. Questo vale anche per quei settori che, seppur avendo sofferto nei mesi di lockdown, hanno davanti a sé un’occasione per pianificare strategie di successo.

Concludendo, nel post-coronavirus il livello di alfabetizzazione digitale del Paese sarà migliorato di molto aprendo nuove porte a molte professionalità che hanno scoperto nuovi lavori, nuove abitudini, una nuova gestione del tempo e un nuovo modo di vivere lavorando.

Georgia Conti

Georgia Conti

Georgia si dedica al digital marketing dal 2005. In pochi anni ha costruito un marchio che ha portato al successo grazie alle sue abilità nel gestire numerose Social Community. Libera pensatrice per scelta, si dedica allo studio di tutte le digital news per riportarle al pubblico di Scuola di Palo Alto in maniera semplice ed efficace. Il digital marketing è pane quotidiano per i suoi denti.

Lascia un commento