Genitori a scuola di videogiochi

Grande successo dell’area No Profit di Scuola di Palo Alto.

Il tour di “Educare i bambini alla felicità” ha fatto tappa a Varano Borghi dove Enrico Banchi è intervenuto su questa tematica non priva di inside!

A oggi, l’industria del videogioco è la più grande del mondo: i dati che riguardano questa realtà sono impressionanti; basti pensare che uno dei videogiochi più utilizzati conta circa 100 milioni di giocatori al mese e che è stato previsto un investimento di 2 miliardi di dollari per la realizzazione degli E-sports del 2020, la più grande competizione videoludica al mondo.

… numerosi genitori temono che trascorrere troppo tempo di fronte a uno schermo provochi danni alla vista.A questo proposito, alcuni scienziati hanno svolto visite oculistiche su alcuni soggetti prima e dopo aver trascorso un certo periodo di tempo a giocare a titoli d’azione. Il risultato? È stato osservato che la vista dei pazienti è diventata più acuta e attenta.
Esistono, inoltre, videogiochi che contengono ricostruzioni accurate di città antiche, episodi e conflitti storici, ma anche di luoghi letterari, tra le quali l’Inferno della Commedia di Dante Alighieri….

…Per quanto riguarda il tempo trascorso davanti allo schermo, secondo gli esperti è importante che i genitori lo stabiliscano chiaramente con i propri figli. «È meglio dire al bambino che non può giocare, piuttosto che spegnere forzatamente il dispositivo». In questo senso, è importante sapere che ogni tipo di console dispone di un sistema di controllo parentale, che permette ai genitori di scegliere quali tipi di videogiochi si possono utilizzare e per quante ore al giorno. YouTube contiene diversi video che spiegano come impostare questi servizi. «Per quanto riguarda invece la violenza – ha precisato Bianchi –, gli studiosi hanno dimostrato che alcuni videogiochi stimolano comportamenti violenti in alcuni ragazzi particolarmente aggressivi, ma l’effetto non è superiore a quello provocato dalla visione di un semplice film d’azione

Fonte VareseNews

Author: Marco Mutti
Nato a Pavia nel 1976, dove si è laureato, ha lavorato da prima nell'area commerciale della GDO food per poi dirigere, dopo anni di esperienza nel web, il reparto Marketing di una nota azienda digital. Varie esperienze all'estero ed un ampia visione e conoscenza del web marketing completano il profilo professionale di Marco

Lascia un commento