La verità è questa: se non ti classifichi tra i primi 10 risultati di Google, il tuo sito web è quasi al pari di un sito invisibile agli utenti. Il 75% degli utenti non supera mai la prima pagina dei risultati di ricerca: ecco perché è così essenziale parlare di SEO.

Esistono diverse strategie e tecniche che puoi seguire quando si parla di SEO.

SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization , ovvero la pratica di aumentare la quantità e la qualità del traffico al tuo sito web attraverso i risultati organici dei motori di ricerca .

Seguendo le migliori pratiche SEO, getterai le basi per il tuo sito per aumentare la sua visibilità e di conseguenza il traffico.

In questo post analizzeremo come:

Individuare l’intento di ricerca

L’intento di ricerca è lo scopo, l’obiettivo che l’utente intende raggiungere con le query di ricerca. Comprendere e soddisfare l’intento di ricerca è la massima priorità per la Big G. Le pagine che si classificano nella prima pagina di Google hanno tutte superato la prova di Google sull’intento di ricerca.

Ad esempio, dai un’occhiata ai risultati della ricerca per “come fare la torta della nonna”. I risultati di ricerca principali sono post di blog o video, non pagine di e-commerce che vendono la torta della nonna. Google comprende che le persone che stanno effettuando questa ricerca specifica stanno cercando di imparare a preparare la torta, non sono intenzionati ad acquistarne una.

Se invece provi a digitare “acquistare la torta della nonna” ti appariranno numerose pagine di e-commerce che vendono il prodotto. In questo caso, Google capisce che le persone sono in modalità acquisto.

Se desideri apparire tra i risultati di ricerca in prima pagina nel 2020, devi comprendere il concetto di intento di ricerca e creare dei contenuti che siano in linea con l’intento del tuo utente tipo.

Esistono quattro tipi di intenti di ricerca:

  • Informativo : una ricerca rientra nell’intento informativo quando l’utente cerca informazioni specifiche. Può essere una semplice ricerca del tipo “che tempo fa oggi?” che fornisce risultati immediati o qualcosa di complesso come “le migliori strategie SEO”.
  • Navigazione: in questo caso, l’utente sta cercando un sito Web o un’app specifica. Esempi comuni di ricerche di navigazione includono “Accesso Facebook”, “SEMrush” e “Amazon”.
  • Commerciale: l’intento alla base di una ricerca è commerciale quando l’utente cerca un prodotto specifico ma non ha ancora preso la decisione finale.
  • Transazionale: qui l’intento è quello di acquistare. Il ricercatore ha già deciso di acquistare un prodotto o uno strumento specifico. Gli esempi includono ricerche come “acquista Nikon d500”, “acquista Macbook Air”.

Ad esempio, se desideri apparire con le parole chiave “migliori fotocamere”, devi renderti conto che l’intento di ricerca qui è commerciale, non transazionale. L’utente è ancora indeciso su quale marca di fotocamera scegliere.

 


title descriptionScrivere un titolo e una meta description convincenti

Il titolo della tua pagina e la meta description sono due dei meta tag più importanti della tua pagina.

I tag del titolo sono titoli cliccabili che appaiono nei risultati di ricerca e sono estremamente critici dal punto di vista SEO.

Google sostiene che i titoli siano fondamentali per fornire agli utenti una rapida panoramica del contenuto di un risultato. Spesso è l’informazione principale utilizzata per decidere su quale risultato fare clic, quindi è importante utilizzare titoli di alta qualità su le tue pagine web.

I motori di ricerca in genere visualizzano i primi 50-60 caratteri di un titolo. Google visualizzerà il titolo completo della tua pagina purché il tag del titolo non superi i 60 caratteri.

Ecco alcune altre best practice da tenere a mente durante la creazione dei tag del titolo:

  • Includi le tue parole chiave target.
  • Scrivi un titolo che corrisponda all’intento di ricerca.
  • Evita di creare tag title duplicati.
  • Mantienilo descrittivo ma conciso.

Il secondo meta tag più importante in una pagina è la meta descriptiom . Una meta descrizione è un breve riepilogo di una pagina che viene visualizzato sotto il tag del titolo.

Un tag meta description dovrebbe generalmente informare e interessare gli utenti con un breve riepilogo. Le meta description equivalgono ad una presentazione che convince l’utente che la pagina è esattamente quella che sta cercando.

Google in genere tronca le meta descrizioni a 155-160 caratteri, quindi assicurati di fornire un riepilogo accurato dei tuoi contenuti mantenendolo al di sotto dei 160 caratteri.

Ecco alcune best practice da seguire durante la scrittura delle meta descrizioni:

  • Scrivi meta descrizioni uniche per ogni pagina.
  • Usa un copy “call to action”.
  • Includi le tue parole chiave target.
  • Fornisci un riepilogo accurato.


Migliorare la user experience

analisi della concorrenza

Google tiene d’occhio il modo in cui gli utenti si comportano con i tuoi contenuti. In quanto tale, l’esperienza dell’utente è uno dei fattori chiave per migliorare la tua posizione nella SERP.

La velocità della pagina gioca un ruolo fondamentale nel migliorare l’esperienza utente dei visitatori del tuo sito.

Ecco alcuni altri suggerimenti per assicurarti che gli utenti abbiano una buona esperienza quando visitano il tuo sito:

  • Usa sottotitoli: l’ uso corretto dei sottotitoli (H1, H2, H3) aiuta Google a comprendere meglio i tuoi contenuti e rende il tuo testo più accessibile ai lettori.
  • Rendi i tuoi contenuti visivamente accattivanti: diversi studi indicano che le immagini aiutano le persone a capire meglio i tuoi contenuti. Usa immagini, video e screenshot pertinenti per illustrare i tuoi punti.
  • Evita l’uso di popup invadenti: i popup non sono solo negativi dal punto di vista SEO, ma finiscono anche per infastidire i tuoi visitatori. Dal 2017 Google penalizza i siti che utilizzano popup invadenti. Quindi usa i popup con parsimonia.

Vuoi fare un upgrade delle tue capacità SEO?

Georgia Conti

Georgia Conti

Georgia si dedica al digital marketing dal 2005. In pochi anni ha costruito un marchio che ha portato al successo grazie alle sue abilità nel gestire numerose Social Community. Libera pensatrice per scelta, si dedica allo studio di tutte le digital news per riportarle al pubblico di Scuola di Palo Alto in maniera semplice ed efficace. Il digital marketing è pane quotidiano per i suoi denti.