Come sta cambiando l’ecosistema e-commerce? Cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi mesi? Come evitare di rimanere indietro? Abbiamo cercato di rispondere a queste domande.

In questo post, analizzeremo i seguenti aspetti:

ai ecommerceIntelligenza artificiale e e-commerce

L’avvento dell’era digitale ha significativamente trasformato i mercati, le aziende ma anche le relazioni con i clienti.

Non bisogna aspettarsi che l’AI (acronimo di Artificial Intelligence) da sola possa risollevare le sorti di un e-commerce che non converte ma esistono dei vantaggi innegabili legati all’implementazione di questi sistemi.

Eccone alcuni:

  • Aumento delle vendite: le azioni dell’AI possono accrescere il tasso di conversione di diversi punti percentuale;
  • Aumento della fidelizzazione del cliente: questi sistemi sono in grado di personalizzare l’esperienza di shopping, il cliente è più soddisfatto e più portato alla conversione e al ritorno sul sito.
  • Supporto al lancio di nuovi prodotti: organizzando i clienti in cluster profilati, è possibile effettuare azioni mirate su determinati clienti e mostrare loro un nuovo prodotto che, probabilmente, saranno più propensi ad acquistare.
  • Migliore efficienza generale: quando i processi sono delegati a macchine, la possibilità di errore scende considerevolmente. Attraverso il machine learning, inoltre, il software “impara” dai propri sbagli e questo permette un crescente risparmio di tempo e risorse.
  • Presenza e assistenza h24: le macchine non si fermano mai. Se un cliente ha domande su prodotti e funzionalità, ad esempio, un chatbot può fornire risposte immediate, velocizzando così potenziali conversioni.

Elemento fondamentale risulta poi il customer journey, processo che sta diventando sempre più complesso grazie ai numerosi mezzi con i quali il cliente entra in contatto con il brand (social media, sito, SMS, app, siti web, applicazioni, etc.)

Quali sono gli ambiti di un e-shop in cui può essere applicata l’Intelligenza artificiale:

Gli ambiti eCommerce dove attualmente l’intelligenza artificiale si esprime al meglio sono:

  • Chatbot e assistenti virtuali: sono in grado di parlare con gli utenti e fornire loro informazioni molto accurate.
  • Logistica: l’AI entra nella gestione dei magazzini guidando dei robot e ottimizzando tutti i processi come il picking, lo stoccaggio delle merci, l’approvvigionamento fino alla spedizione;
  • Dynamic pricing: combinando comportamento di acquisto degli utenti, prezzi della concorrenza e offerta di mercato, l’algoritmo di AI può definire dinamicamente il prezzo giusto per un prodotto;
  • Ricerca visiva: si potranno trovare in rete i prodotti che si desiderano partendo da una foto che li inquadra, senza sapere, il loro brand o codice;
  • Analisi Predittiva: gli algoritmi di AI aumentano il tasso di conversione e la fidelizzazione del cliente perché sono in grado di riconoscere la tipologia di user che sta navigando nello shop, e quindi, fornire loro customer journey personalizzate durante il processo di acquisto.
  • Suggerimento di prodotti correlati: grazie ai Big Data, l’Intelligenza Artificiale riesce a modificare le scelte dei consumatori grazie alla sua conoscenza delle loro abitudini, dei prodotti cercati e dei loro percorsi di navigazione online.


E-commerce e realtà aumentata

La realtà aumentata o AR (“augmented reality”) utilizza la fotocamera del vostro smartphone, con la quale trasforma il mondo reale attorno a voi in una sorta di tela che può essere arricchita di oggetti virtuali interattivi.

La realtà aumentata può diventare uno dei pilastri delle vendite online, il suo impatto sul customer journey di acquisto può coinvolgere il consumatore sia a livello di engagement che a livello di supporto all’acquisto. La AR può infatti aiutare e sbloccare  il consumatore di fronte a punti critici del processo di acquisto, in particolare nei casi in cui non è semplice individuare il tipo di prodotto giusto per le proprie necessità. Un esempio tipico è la scelta della taglia giusta. Nike, per esempio, ha creato una app, “Nike Fit“, che consente agli utenti di individuare la corretta misura della scarpa facendo una scansione dei piedi tramite smartphone;
Kayak.com, motore di ricerca per viaggi, tra i suoi servizi mette a disposizione la scansione del bagaglio a mano per verificarne l’ingombro rispetto al volo prenotato.
ikea-realtà-aumentata-ecommerceIkea ha creato un’app che permette di posizionare virtualmente i vari elementi d’arredo all’interno degli ambienti della propria casa.

La realtà aumentata aiuta anche in termini di coinvolgimento dell’utente. Facciamo qualche esempio. Zara permette di visualizzare le nuove collezioni attraverso modelle che “prendono vita” all’interno della app del cliente mentre inquadra nel negozio gli abiti di alcune collezioni;
Timberland invece cattura l’interesse dei passanti mostrando in vetrina un camerino digitale grazie al quale chiunque può virtualmente indossare gli abiti presenti all’interno.


Vendere tramite i social: il Social Commerce
consigli-social-media

Il Social commerce è la possibilità che ha un utente di acquistare prodotti e servizi attraverso i social media e allo stesso tempo condividere con gli altri utenti la sua esperienza.

Passiamo una media di 2 ore al giorno sui social. Quale miglior luogo per cercare i propri clienti e fidelizzarli?

Anche se la maggior parte del tempo è dedicata alla socializzazione vera e propria, le persone tendono comunque a scoprire nuovi prodotti e servizi ed a seguire i loro brand o influencer preferiti. In particolare, i millenial e la Generazione Z spendono di più per i loro acquisti per prodotti che hanno trovato su Instagram o su Snapchat.

Ecco i vantaggi del Social commerce:

  • fidelizzazione del cliente: il social migliora la percezione del brand se utilizzato correttamente;
  • customer care: il social network può diventare un servizio di assistenza efficace;
  • pubblicità gratuita: l’acquisto sui social può trasformarsi automaticamente in un passaparola per il proprio network, trasformando gli utenti in veri e propri micro-influencer;

I social media sono diventati una parte consistente della vita quotidiana di ognuno: è difficile pensare di non investirci per aumentare le vendite e fidelizzare i clienti.

Georgia Conti

Georgia Conti

Georgia si dedica al digital marketing dal 2005. In pochi anni ha costruito un marchio che ha portato al successo grazie alle sue abilità nel gestire numerose Social Community. Libera pensatrice per scelta, si dedica allo studio di tutte le digital news per riportarle al pubblico di Scuola di Palo Alto in maniera semplice ed efficace. Il digital marketing è pane quotidiano per i suoi denti.
Georgia Conti

Ultimi post di Georgia Conti (vedi tutti)